a
martedì 25 giu 2019
HomeFoodDazi Usa, Savino Muraglia: «Non è così che si mantiene viva la proattività di un settore»

Dazi Usa, Savino Muraglia: «Non è così che si mantiene viva la proattività di un settore»

Dazi Usa, Savino Muraglia: «Non è così che si mantiene viva la proattività di un settore»

I dazi Usa preoccupano l’agroalimentare italiano. Sul punto interviene Savino Muraglia (nella foto), managing director di Frantoio Muraglia, azienda che da Andria alle tavole di New York e Miami, esporta l’eccellenza dell’olio pugliese in 45 Paesi del Mondo. «In un’economia di libero mercato – dove quest’ultimo sancisce il successo o la sopravvivenza di un prodotto – imporre politiche protezionistiche non può che generare ingenti danni economici collaterali», afferma il frantoiano pugliese. «Non è con la politica dei dazi che si mantiene viva la proattività di un settore».

Il rischio, secondo Muraglia, «è di replicare un fenomeno già vissuto e di arrivare a una sorta di “Russia 2”. La nostra azienda agroalimentare, con l’imposizione delle sanzioni economiche russe, che pur non toccavano direttamente i nostri prodotti, ha visto azzerare la nostra presenza, vanificando anni di investimenti su quel territorio».

La preoccupazione rispetto all’introduzione dei dazi negli Stati Uniti si rinnova e con essa anche il rischio. Con na fondamentale differenza: «Quello americano è il principale mercato per le eccellenze del Made in Italy del settore food. Le piccole e medie imprese, che non hanno la forza e la capacità di trovare mercati alternativi che assorbano la quota persa negli USA, saranno certamente quelle più svantaggiate dalle politiche economiche dettate da Trump».

Vota questo articolo
Nessun commento

Aggiungi un commento

Accesso

Hai dimenticato la Password?

Registrati

Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.