a
lunedì 19 ott 2020
HomeFoodAl via il progetto sulla blockchain del pomodoro

Al via il progetto sulla blockchain del pomodoro

Al via il progetto sulla blockchain del pomodoro

Realizzato da ANICAV e EZ Lab mira a tracciare e certificare la filiera del pomodoro a favore della sicurezza e qualità di passate, polpe e pelati.

ANICAV ed EZ Lab, specializzata in soluzioni digitali per loe smart agrifood, hanno dato il via a un progetto sperimentale con l’’impiego della tecnologia blockchain. L’obiettivo è valorizzare la produzione del pomodoro di qualità, garantendone l’origine, la sicurezza e i valori sociali da trasferire al consumatore finale. Si va, quindi, a certificare tutti i passaggi del processo di produzione e trasformazione.

Il progetto sarà avviato in due aziende pilota associate ad ANICAV: Rodolfi Mansueto Spa e Compagnia Mercantile d’Oltremare Srl.

EZ Lab ha sviluppato soluzioni come le piattaforme software AgriChain e AgriOpenData per la tracciabilità e la certificazione digitale dei prodotti agricoli e dell’intera filiera agroalimentare.

“Il nostro auspicio è che Tomato Blockchain possa diventare un modello replicabile all’intero settore. Si offre così ai consumatori massima trasparenza e garanzia sulla qualità delle nostre produzioni”, dichiara Giovanni De Angelis, direttore generale di ANICAV.

“Siamo tra i primi ad aver applicato all’economia reale le soluzioni digitali, con oltre 40 progetti”, dichiara Massimo Morbiato, ceo e founder di EZ Lab.

L’applicazione di questa tecnologia favorirà anche la commercializzazione estera della produzione made in Italy, contribuendo alla lotta alla contraffazione e all’ Italian Sounding. Il monitoraggio garantità tutta la filiera individuando fenomeni di caporalato o pratiche scorrette.

Vota questo articolo
Nessun commento

Aggiungi un commento

Accesso

Hai dimenticato la Password?

Registrati

Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.