a
mercoledì 12 mag 2021
HomeFoodAromi naturali, Ambienta acquisisce TasteConnection

Aromi naturali, Ambienta acquisisce TasteConnection

Aromi naturali, Ambienta acquisisce TasteConnection

TasteConnection rafforza la presenza di Nactarome nel Regno Unito e segna l’ingresso del gruppo nel mercato degli snack, segmento da tempo trainato dal trend clean label.

Ambienta, fondo europeo di private equity focalizzato sulla sostenibilità, ha comprato l’inglese TasteConnection, azienda produttrice di soluzioni aromatiche per il settore alimentare.

Con questa acquisizione, Nactarome consolida ulteriormente la propria posizione nel settore dei colori, aromi e ingredienti naturali.

Grazie al supporto di Ambienta, Nactarome ha infatti quadruplicato i propri ricavi in due anni e mezzo, portandoli ad oltre 120 milioni di euro. Inoltre, l’azienda ha ampliato la presenza produttiva con un totale di dodici stabilimenti specializzati in Italia, Regno Unito, Francia e Belgio. Ha oltre 4.200 clienti in più di 100 Paesi.

TasteConnection rafforzerà ulteriormente il brand di Nactarome e il suo posizionamento competitivo sul mercato inglese. Le soluzioni aromatiche sviluppate dall’azienda inglese, infatti, sono una categoria di prodotto complementare agli aromi naturali di Nactarome.

L’acquisizione segna anche l’ingresso di Nactarome nella categoria degli snack, un segmento in costante crescita sia localmente che a livello internazionale.

Inoltre, la vicinanza tra il sito produttivo di TasteConnection e quello di Nactarome offre l’opportunità di sviluppare un hub industriale nel Regno Unito.

Da tempo i mercati degli snack e degli aromi, così come l’intero settore alimentare, sono influenzati da significativi trend legati alla sostenibilità, con una domanda che si sta fortemente orientando verso prodotti più naturali e più sani. Il clean label è uno dei macro-trend del settore e costituisce anche il principale driver di crescita del settore degli Snack. Nel Regno Unito, ad esempio, fra il 2015 e il 2020, il settore food nel suo complesso è cresciuto dell’1,8% all’anno, mentre quello del clean label è cresciuto ad una velocità di oltre quattro volte superiore, registrando un progresso medio annuo del 7,5%.

Per approfondimenti dal punto di vista legale leggi la notizia su legalcommunity.it.

Vota questo articolo
Nessun commento

Aggiungi un commento

Accesso

Hai dimenticato la Password?

Registrati

Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.