a
mercoledì 21 ott 2020
HomeDistribuzioneAdhoc lancia Oriente Food Express

Adhoc lancia Oriente Food Express

Adhoc lancia Oriente Food Express

Il cibo etnico piace sempre di più. Se fino a qualche anno fa, “mangiare etnico” significava spostarsi di molto e recarsi in ristoranti specializzati, adesso i piatti e gli alimenti esotici diventano sempre più una proposta trasversale dei professionisti HORECA tanto che sempre più italiani si aspettano di trovare, ad esempio, in un classico aperitivo del sushi o dei noodles.

Adhoc, il Cash & Carry presente in Campania dal 2004, lancia l’iniziativa “Oriente Food Express – il Sushi & Curry su misura per te”. Un’area dedicata, presente in tutti i 6 cash&carry, in grado di offrire ai clienti tutte le specialità della cucina asiatica, realizzate con ingredienti provenienti dai luoghi di origine e con tecniche gastronomiche qualificate.

L’iniziativa è frutto di un accordo in esclusiva in Campania tra Adhoc e Heuschen & Schrouff Oriental Food, il fornitore leader in Europa occidentale. “Grazie a questo importante accordo, i Cash&Carry Adhoc avranno l’esclusiva della vendita di prodotti etnici di livello superiore – dichiara Angelo Merola, responsabile marketing di Multicedi – Heuschen & Schrouff importa dall’Asia e in parte produce circa 45 famosi marchi che distribuisce tra i paesi dell’Unione. Una gamma di prodotti costantemente controllata, aggiornata secondo le richieste della clientela e sempre in linea con i criteri di alta qualità ed eccellenza”.

Heuschen & Schrouff distribuisce in 35 paesi nel mondo, prodotti provenienti soprattutto da Thailandia, Singapore, Malesia, Filippine, India, Cina, Vietnam e Corea. Una recente novità riguarda la produzione e distribuzione di prodotti della cucina araba, turca, caraibica, africana e polacca.

Nelle aree Oriente Food express” di Adhoc, dove a  farla da padrone è la cucina del sud-est asiatico, c’è solo l’imbarazzo della scelta: la salsa di soia giapponese, ritenuta tra le più pregiate perché utilizza il grano come ingrediente principale, i noodles, tipo di pasta molto antico divenuta cibo-gourmet nei locali etnici di tutto il mondo e, ancora, i vermicelli di Longkou, di aspetto simile ai “nostri” vermicelli, ma fatti di amido secco mescolato con fagiolini verdi e piselli, che conferiscono al prodotto un aspetto filiforme e translucido.

Non può mancare il Sushi, piatto tipico della cucina giapponese a base di riso e pesce crudo, alghe, vegetali o uova, le miscele per tempura, una pastella per fritti tipica della cucina asiatica e famosa per la sua leggerezza, la salsa di pesce, l’olio di riso e il latte di cocco, ingrediente molto usato nella cucina del sud-est asiatico per i suoi effetti benefici sul cuore e sui livelli di colesterolo.

Ormai sono sempre più diffuse abitudini alimentari alternative, con una domanda crescente di acquisto di prodotti culinari extra-nazionali – spiega Merola Senza togliere nulla ai prodotti della nostra terra e alla cucina tradizionale, abbiamo constatato che i consumatori, in particolare le nuove generazioni ma non solo, sono più curiosi e attenti a nuovi modelli. E anche le cucine domestiche sono diventate ormai luoghi di sperimentazione di piatti esotici”.

Tendenza, questa, confermata in parte anche dalla recente indagine “Gli italiani e il cibo” realizzata lo scorso anno in occasione dell’ottava edizione dell’International Forum on Food and Nutrition. Dallo studio risulta che circa il 20% degli italiani mostra curiosità verso le cucine etniche, in particolare quella giapponese e cinese, seguite dalla cucina sudamericana e indiana.

L’indagine dimostra, inoltre, il “peso” economico che il cibo etnico ha sul mercato globale: circa 3 miliardi di euro, destinato ad aumentare nel giro di pochi anni, a fronte di un valore complessivo di 321 miliardi.

Vota questo articolo
Nessun commento

Aggiungi un commento

Accesso

Hai dimenticato la Password?

Registrati

Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.