a
martedì 25 gen 2022
HomeFood25 anni per il Consorzio di tutela delle Dop Valtellina Casera e Bitto

25 anni per il Consorzio di tutela delle Dop Valtellina Casera e Bitto

25 anni per il Consorzio di tutela delle Dop Valtellina Casera e Bitto

25 anni, un quarto di secolo per Il Consorzio di tutela delle Dop Valtellina Casera e Bitto.

Il Consorzio per la Tutela dei Formaggi Bitto e Valtellina Casera opera dal 1995 in provincia di Sondrio per difendere l’unicità dei
due formaggi DOP valtellinesi, tutelarli da qualsiasi imitazione e promuoverli sul mercato nazionale ed internazionale. E lo fa grazie ad
una serie di scrupolosi controlli sull’intera filiera. I soci del Consorzio, che appartengono alle due filiere produttive sono 165 tra

allevatori, produttori e stagionatori, piccole e grandi aziende zootecniche, latterie di paese e moderni caseifici. Dal 1996 Valtellina
Casera e Bitto hanno conseguito la DOP: la loro produzione segue ritmi, saperi e regole ben precise dettate dai disciplinari di
produzione, a garanzia dell’origine e dell’unicità di questi formaggi.

“I 25 anni – dichiara il presidente del CTCB, Vincenzo Cornaggia – sono una tappa importante per fare i primi bilanci. Stando ai dati delle prime marchiature del 1996, data di conseguimento delle Dop, la produzione di Bitto e Valtellina Casera è cresciuta ad oggi rispettivamente del 193% e del 330%. E sono cresciuti anche i soci, da 35 a 165. La filiera oggi vale 13 milioni di euro di fatturato, l’85% rappresentato dal Valtellina Casera, con 11 milioni di euro, e il 15% dal Bitto. Due Dop solide, che hanno saputo tenere nel tempo alta la qualità e la tradizione della nostra Valle, dando lavoro a 133 allevamenti,13 caseifici (di cui 6 acquirenti primari/cooperative) e 16 stagionatori per il Valtellina Casera e a 54 alpeggi produttori (di cui 1 cooperativa) e 10 stagionatori per il Bitto. Numeri, questi, che dimostrano le ricadute positive delle due Dop sul territorio in termini di occupazione e di indotto.

Il punto sulla produzione 2021

“Dalle prime verifiche sulle forme di Bitto marchiate e già a maturazione – dichiara il presidente del consorzio, Vincenzo Cornaggia – la qualità del latte prodotto in alpeggio, e conseguentemente del formaggio è stata buona. Anche quest’anno assistiamo una leggera contrazione in termini quantitativi della produzione, stimata attorno al 4% per via del ritardo generalizzato nel carico degli alpeggi e della sospensione anticipata dell’attività casearia causata da eventi climatici avversi. Il dato effettivo potrà essere quantificato solo a dicembre. Quest’anno la produzione sarà più limitata, ma di alta qualità.”

Diverso il discorso per il Valtellina Casera Dop. “Dopo l’impennata del 20,5% dello scorso anno, con 17.030 quintali prodotti – ha continuato Cornaggia – siamo di fronte a un fisiologico assestamento della produzione, con una leggera flessione attorno al 3,5%. Un assestamento indispensabile per preservare qualità e valore ed assicurare una maggiore remuneratività. È nostra intenzione comunque ampliare gradualmente i volumi produttivi nei prossimi anni, usando il latte destinato ad altre produzioni. L’obiettivo rimane ampliare nel medio periodo la distribuzione, sia al Nord-Ovest, che rimane il nostro target primario, sia nel resto d’Italia, a partire dalle grandi città”.

Vota questo articolo
Nessun commento

Aggiungi un commento

Accesso

Hai dimenticato la Password?

Registrati

Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.