a
mercoledì 14 nov 2018
HomeBeverageVola l’export dei vini lombardi: +66,8% in 15 anni, focus sulla Cina

Vola l’export dei vini lombardi: +66,8% in 15 anni, focus sulla Cina

Vola l’export dei vini lombardi: +66,8% in 15 anni, focus sulla Cina

Qualità, promozione e internazionalizzazione (con focus sul mercato cinese) sono le parole chiave per il vino italiano. Se ne è parlato il 28 marzo a Milano alla presentazione del Padiglione Lombardia a Vinitaly 2017.

All’evento erano presenti Gian Domenico Auricchio, presidente Unioncamere Lombardia, Maurizio Danese, presidente Veronafiere e Gianni Fava, assessore all’agricoltura di Regione Lombardia.

La conferenza ha messo in luce la vocazione sempre più internazionale per le aziende vitivinicole lombarde, con un incremento del 66,8% dell’export negli ultimi 15 anni. La crescita più forte in Asia Centrale (+304%) e in Unione europea (+210,9%), ma anche in Asia Orientale (+132,6%) e America Latina (+85,1%).

A livello Paese le performance di crescita più rilevanti in orizzonte 15 anni si sono registrate verso Cina (+8.686,5%), Hong Kong (+1.508,8%), Spagna (+722,6%) e Belgio (+709,4%). Rilevante anche la conquista di spazio nei mercati di Regno Unito (+437,3%), Francia (+455,8%), Polonia e Russia (+507,9%), quest’ultima nonostante l’embargo, mentre il primo mercato resta la Germania. In particolare, verso la Cina è prevista una crescita dell’export del 79% da qui al 2020.

Infine sono state sottolineate le criticità del settore, come il fatto che la crescita dei vini italiani sia trainata principalmente dal boom degli spumanti e che la gestione dei fondi Ocm per la promozione dei produttori vitivinicoli debba essere migliorata.

Vota questo articolo
Nessun commento

Aggiungi un commento

Accesso

Hai dimenticato la Password?

Registrati

Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.