a
martedì 12 nov 2019
HomeLe tavole della leggeLago di Garda, il ristorante “in erba” di Salò

Lago di Garda, il ristorante “in erba” di Salò

Lago di Garda, il ristorante “in erba” di Salò

Rose Salò è il regno di Marco Cozza e Andrea De Carli, due chef comaschi che, nel 2016, hanno deciso di approdare nella città lacustre e rilevare una storica insegna della ristorazione gardesana.

Marco Cozza (nella foto, a destra) e Andrea De Carli (nella foto, a destra) di Rose Salò si stimolano vicendevolmente dando vita a una cucina sperimentale dalla forte identità, che o si ama o si odia. I sapori sono molto intensi e le tecniche sono quelle della fermentazione. Il fil rouge del menù sono le erbe: non basilico, timo e rosmarino bensì oltre venti botaniche spontanee e biologiche raccolte personalmente dagli chef insieme a un erborista di fiducia, in val Degagna, che danno personalità a ogni piatto.

 

 

Per niente scontati gli chef erboristi osano e stupiscono dando una scossa alla ristorazione locale molto, forse troppo, tradizionale. I piatti non incontreranno certo tutti i palati ma il lavoro di ricerca e innovazione c’è e si sente.

La degustazione inizia con un mix di erbe accompagnate da un estratto di agoni (una bagna cauda a base di sarde di lago). Il piatto più goloso è senza dubbio Bagossa a base di bottoni di bagoss, la dop stagionata di Bagolino chiamata anche “grana dei poveri”. I secondi spaziano dal manzo al salmerino. Dulcis in fundo, i cavalli di battaglia: una mela cotta al sale accompagnata da gelato alla ruta e una rivisitazione della torta di rose, il dolce tipico del Lago di Garda.

 

 

Una chicca è il menù di rose Salò dedicato a Gabriele D’Annunzio con un’interpretazione di alcune pietanze che gli preparava la cuoca personale.

 

 

A Sandra Sanna, responsabile di sala, è affidata la scelta dell’accompagnamento alcolico: grande spazio al Chiaretto, non ne ho mai visti così tanti in carta, e in generale ai vini locali con attenzione al biologico e al naturale. Le bottiglie sono custodite in un’affascinante cantina con uno chef’s table che si presta a ospitare cene esclusive.

Vedendo all’opera i due chef mi hanno ricordato Fabio Pisani e Alessandro Negrini, gli chef de Il Luogo di Aimo e Nadia. Il paragone è azzardato ma se sono rose fioriranno…

Prezzi: da 50 euro (bevande escluse)

Indirizzo: via Gasparo da Salò, 33 25087 Salò – BS https://ristoranterosesalo.it

 

di francesca corradi

CONTINUA A LEGGERE LA NOTIZIA A PAG. 142 DEL MAG 127.

Vota questo articolo
Nessun commento

Aggiungi un commento

Accesso

Hai dimenticato la Password?

Registrati

Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.