Riapertura, l’esterno dei ristoranti vale il 15% del fatturato

di francesca corradi

Importanti novità in arrivo nella gestione della pandemia da Covid-19. La prima boccata d’aria per i ristoranti sarà lunedì 26 aprile. Quelli in zona gialla potranno, infatti, riaprire a pranzo e cena, ma solo se dotati di tavoli all’esterno.

Non si parla più di tenere chiuso e basta, e questo è indubbiamente un primo segnale di discontinuità rispetto al passato. Certo è che non tutti faranno i salti di gioia, anzi. Come ha calcolato Fipe, a livello nazionale, riaprire le attività con servizio solo all’aperto significa prolungare di fatto il lockdown per oltre 116mila pubblici esercizi.

Il nuovo provvedimento fa felice un ristoratore su due. Il 46,6% dei bar e dei ristoranti della penisola, infatti, non è dotato di spazi all’aperto. La percentuale cresce esponenzialmente se pensiamo ai centri storici delle città nei quali vigono regole molto stringenti.

Il dato, inoltre, tiene già conto delle migliaia di richieste comunali piovute quest’estate per conquistare qualche metro di suolo pubblico e avere qualche coperto all’aria aperta, spesso in spazi poco affascinanti come lembi di marciapiede in pendenza e spazi di sosta tra un’auto e l’altra.

Ma anche chi possiede i dehors esterni non canta vittoria. Ci sono ristoranti che all’interno possono contare oltre cento coperti e sono costretti ad affidare il loro business all’esterno, con una ventina di posti, se sono fortunati: un piccolo spiraglio di luce, ma non sufficiente a coprire le spese.

Il nuovo provvedimento, infatti, consente di recuperare circa il 15% del totale del fatturato di settore con grandi differenze da regione a regione.

Insomma, riapertura a macchia di leopardo e tante attività ancora con le serrande abbassate: esercenti anche a pochi metri di distanza l’uno dall’altro potrebbero essere penalizzati. Così si rischia di mettere contro ristoratori e baristi in una guerra tra poveri.

Un altro fattore da non sottovalutare, rispetto a luglio scorso, sono le condizioni atmosferiche tutt’altro che favorevoli in questo momento, soprattutto al Nord.

Per rimettere in moto la “macchina” della ristorazione le nuove decisioni ancora non bastano. A complicare il tutto si aggiunge il fattore orario. Resta infatti confermato il coprifuoco delle 22 che non dà la possibilità di accogliere i clienti su diversi turni . C’è però margine di trattativa sullo spostare la lancetta dell’ora di chiusura almeno alle 23. Molti esperti sono, infatti, convinti che un’ora in più o un meno non faccia la differenza sul contagio, purchè ci siano i controlli.

Le richieste di Confcommercio sono quelle di consentire la somministrazione anche all’interno dei locali, rispettando i protocolli di sicurezza e le opportune regole di distanziamento. Una richiesta che potrebbe essere accolta dal primo giugno quando sembra che i ristoranti potranno riaprire anche al chiuso ma solo a pranzo.

 

“Applicando norme anche più stringenti – relative alla prenotazione elettronica e alla registrazione dei clienti con eventuale incrocio con dati fiscali – si anticipi appena possibile l’apertura anche al chiuso per i soli locali con servizio al tavolo”, afferma Luigi Scordamaglia, consigliere delegato di Filiera Italia.

Per questa ulteriore apertura, secondo Filiera Italia, potrebbe essere utile dare seguito a quanto suggerito dal CTS in merito a un distinguo tra bar, che non possono assicurare misure così restrittive anti-assembramento, e ristoranti.

“Siamo convinti che, non appena la campagna vaccinale sarà consolidata, richiedere il pass vaccinale per l’ingresso nei bar e ristoranti sarà più efficace di qualunque obbligo nello spingere gli indecisi a vaccinarsi”, conclude Scordamaglia.

Riapertura, l’esterno dei ristoranti vale il 15% del fatturato
Foodcommunity.it
 
è il sito del Gruppo dedicato al business del settore food & beverage nato nel 2016. Il portale ha l’obiettivo di raccontare, attraverso notizie e approfondimenti, lo scenario economico e i protagonisti del mondo enogastronomico in Italia e all’estero.
Grande attenzione è rivolta agli chef stellati e alle aperture di nuovi ristoranti, così come alle mosse delle aziende del food, dalle multinazionali ai piccoli produttori.
Il mondo del cibo raccontato con un approccio economico e il faro puntato sui personaggi più rilevanti del settore (Chef, ristorazione alta gamma, piccoli produttori di eccellenza).
 
Inoltre, ogni due settimane, Foodcommunity.it pubblica contenuti su MAG, il primo quindicinale digitale interattivo dedicato alla business community italiana. In ogni numero: interviste a avvocati, general counsel, amministratori delegati, avvocati, banker, advisor, fiscalisti; studi di settore; interviste; report post awards etc. Fra i grandi appuntamenti annuali di Foodcommunity.it per MAG, i fatturati degli studi e la classifica dei 50 Best Lawyers.

MAG è digitale, gratuito e disponibile su App Store, Google Play (MAG LC) e sui portali del Gruppo LC Publishing Group.

Per maggiori informazioni, visita il sito del Gruppo www.lcpublishinggroup.com

LC srl – Via Tolstoi 10 – 20146 Milano – Tel. 0236727659 – C.F./P.IVA 07619210961
REA 1971432 Registro delle Imprese di Milano – Cap. Soc. Euro 10.000,00 i.v.

Copyright 2022 © All rights Reserved. Design by Origami Creative Studio

SHARE