La birra artigianale ha la sua legge

Svolta nel mondo della birra artigianale. Con l’approvazione definitiva da parte del Senato del Collegato agricoltura (che contiene deleghe al governo in materia di semplificazione e razionalizzazione di norme del settore) per la prima volta la legislazione italiana pone una distinzione netta tra microbirrifici e grandi impianti industriali. La norma ha anche l’obiettivo di favorire lo sviluppo della filiera del luppolo in Italia.

Si definisce birra artigianale «la birra prodotta da piccoli birrifici indipendenti e non sottoposta, durante la fase di produzione, a processi di pastorizzazione e microfiltrazione».

Nell’articolo 35 si specifica inoltre che «per piccolo birrificio indipendente si intende un birrificio che sia legalmente ed economicamente indipendente, che utilizzi impianti fisicamente distinti da quelli di qualsiasi altro birrificio, che non operi sotto licenza di utilizzo dei diritti di proprietà immateriale altrui e la cui produzione annua non superi 200 mila ettolitri, includendo in questo quantitativo le quantità di birra prodotte per conto di terzi».

La qualifica di birra artigianale diventa sinonimo di qualità, non solo per le materie prime, ma anche per il metodo di lavorazione. Nella birra artigianale, infatti, il processo produttivo esclude passaggi “industriali” come la pastorizzazione e la microfiltrazione che alterano il prodotto impoverendolo delle sue proprietà organolettiche e nutrizionali.

Nella prossima legge di stabilità sono attesi ulteriori provvedimenti per quanto riguarda la semplificazione degli adempimenti e la riduzione delle accise a carico dei microbirrifici.

La birra artigianale ha la sua legge

Leave a Reply

Foodcommunity.it
 
è il sito del Gruppo dedicato al business del settore food & beverage nato nel 2016. Il portale ha l’obiettivo di raccontare, attraverso notizie e approfondimenti, lo scenario economico e i protagonisti del mondo enogastronomico in Italia e all’estero.
Grande attenzione è rivolta agli chef stellati e alle aperture di nuovi ristoranti, così come alle mosse delle aziende del food, dalle multinazionali ai piccoli produttori.
Il mondo del cibo raccontato con un approccio economico e il faro puntato sui personaggi più rilevanti del settore (Chef, ristorazione alta gamma, piccoli produttori di eccellenza).
 
Inoltre, ogni due settimane, Foodcommunity.it pubblica contenuti su MAG, il primo quindicinale digitale interattivo dedicato alla business community italiana. In ogni numero: interviste a avvocati, general counsel, amministratori delegati, avvocati, banker, advisor, fiscalisti; studi di settore; interviste; report post awards etc. Fra i grandi appuntamenti annuali di Foodcommunity.it per MAG, i fatturati degli studi e la classifica dei 50 Best Lawyers.

MAG è digitale, gratuito e disponibile su App Store, Google Play (MAG LC) e sui portali del Gruppo LC Publishing Group S.p.A.

Per maggiori informazioni, visita il sito del Gruppo www.lcpublishinggroup.com

LC Publishing Group S.p.A. – Via Tolstoi 10 – 20146 Milano – Tel. 0236727659 – C.F./P.IVA 07619210961
REA 1971432 Registro delle Imprese di Milano – Cap. Soc. Euro 50.000,00 i.v.

Copyright 2023 © All rights Reserved. Design by Origami Creative Studio

SHARE