a
mercoledì 22 nov 2017
HomeGli strumenti del ciboInvestinfood entra in Zushi Japanese Restaurants

Investinfood entra in Zushi Japanese Restaurants

Investinfood entra in Zushi Japanese Restaurants

Paolo Colonna e Valeria Lattuada (nella foto a sinistra e al centro), personalità con un ampio track record nel mondo del private equity italiano, hanno dato vita a una partnership sul modello del “Club Deal” per promuovere investimenti in piccole medie imprese italiane con l’obiettivo di affiancare gli imprenditori nel percorso di crescita, facendo leva sull’esperienza congiunta di quasi 50 anni di private equity.

La prima operazione finalizzata riguarda l’investimento in Zushi Japanese Restaurants, catena italiana di 21 ristoranti di cucina giapponese di alta qualità fondata e gestita dall’imprenditore veronese Cristiano Gaifa (nella foto a destra). L’operazione è stata realizzata attraverso la Newco appositamente costituita da Colonna e Lattuada denominata Investinfood, che ha rilevato la maggioranza di Zushi Italia.

Gaifa rimarrà come ceo e azionista rilevante e manterrà la gestione, continuando a essere il motore per lo sviluppo del gruppo. Colonna e Lattuada supporteranno lo sviluppo di Zushi con un piano industriale che prevede l’apertura di una trentina di nuovi ristoranti a gestione diretta in Italia e anche all’estero nei prossimi 4-5 anni. Tra i nuovi azionisti è entrato con una quota di minoranza DVR Capital tramite il proprio veicolo d’investimento DVR-Z.

La catena Zushi ha chiuso il 2016 con un fatturato complessivo di circa 24 milioni di euro e oggi conta 10 ristoranti a gestione diretta e 11 in franchising, dislocati nelle principali città italiane, caratterizzati dall’alta qualità del cibo e gli arredamenti di design.

Nell’operazione, Colonna e Lattuada sono stati assistiti da DVR Capital, dallo Studio Legale Dentons, dallo studio legale Gattai Minoli Agostinelli & Partners, da E&Y e dallo studio Maisto e Associati. Gaifa è stato assistito dallo Studio Legale Gatti Pavesi Bianchi e dallo Studio Bonamini & Partners. L’operazione è stata finanziata da Unicredit.

Vota questo articolo
Nessun commento

Aggiungi un commento

Accesso

Hai dimenticato la Password?

Registrati

Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.