a
giovedì 16 set 2021
HomeBeverageIl vino di domani è donna e bio. I cavalli di battaglia delle Donne Del Vino

Il vino di domani è donna e bio. I cavalli di battaglia delle Donne Del Vino

Il vino di domani è donna e bio. I cavalli di battaglia delle Donne Del Vino

Il rispetto dell’ambiente sta diventando un prerequisito anche tra i viticoltori: il 51% ha la certificazione BIO e, negli ultimi tre anni, il 33% preferisce ricorrere a vetri leggeri e più sostenibili, stanno cambiando i combustili di utilizzo. Il convegno del 13 settembre organizzato dall’Associazione Le Donne del Vino e dal Comune di Firenze metterà a tema i progetti per i vini di domani.

Nel capoluogo toscano, a Palazzo Vecchio, si terrà l’incontro dal titolo “Vino, sostenibilità ed energia”, in occasione della rassegna promossa dall’Associazione, in attesa del G20-Agricoltura.

La presidente dell’Associazione Donatella Cinelli Colombini ha commentato: «Incrociando i dati è quindi emerso un approccio alla sostenibilità a 360°, dal vigneto al confezionamento del prodotto finito sia per le aziende biologiche che convenzionali: il 51% ha la certificazione BIO o sta per ottenerla. Il 33% usa bottiglie leggere (sotto i 500 grammi per i vini fermi e gli 830 grammi per gli spumanti) sull’intera gamma e il 40% su almeno la metà dei vini».

La crescita della sensibilità è evidente nel 20% che ha introdotto il vetro leggero sui vini fini negli ultimi 3 anni. Altro dato incoraggiante è la reazione positiva, di fronte a questa scelta, del 37% degli importatori esteri e soprattutto in Canada e Scandinavia. Se consideriamo che il 40% dei rispondenti esporta oltre la metà del suo vino si tratta di un dato decisamente incoraggiante. Meno buona la risposta dei buyer italiani che per il 28% hanno reagito negativamente con solo il 14% (sale al 16% per gli enotecari) che hanno approvato la decisione su bottiglie più “ambientaliste” ma meno appariscenti. Infine uno sguardo sui combustibili più usati: nell’ordine sono metano 35,7%, GPL 25,5% e gasolio 13,3%.

Ad aprire l’incontro l’Assessore all’Ambiente del Comune di Firenze Cecilia Del Re in veste di padrona di casa. Il progetto sul vetro leggero è stato ideato Paola Rastelli, sommelier e Donna del Vino e si è sviluppato con un sondaggio a cui hanno risposto 108 donne produttrici che mira a fotografare la situazione attuale e ad accrescere la sensibilità sul peso delle bottiglie visto che la produzione di ogni chilogrammo di vetro equivale a un’emissione di 2,7 chilogrammi di CO2.

Vota questo articolo
Nessun commento

Aggiungi un commento

Accesso

Hai dimenticato la Password?

Registrati

Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.