Gli italiani e i sostituti del pane. L’indagine di Everli

Carboidrati: odio e amore degli italiani. Demonizzati da molti e irrinunciabili per i più, prodotti come gallette, grissini, cracker oggi si affiancano al pane negli scaffali dei supermercati e spesso lo sostituiscono nelle tavole degli italiani alla ricerca di alternative pratiche e salutari. Ma sono davvero una scelta healthy? Quando si consumano questi prodotti, perché e cosa preferiscono i consumatori tricolore? Everli ha cercato di rispondere a queste domande con un’indagine.

La survey del marketplace online è stata rivolta ai consumatori e ha coinvolto la Dott.ssa Manuela Nobile, nutrizionista di MioDottore, per offrire consigli nutrizionali sull’argomento.

In base ai dati raccolti da Everli, quasi la totalità degli italiani (98%) ha consumato almeno una volta prodotti alternativi rispetto al pane. Sono soprattutto le donne (74%) e gli under 40 (65%) a preferirli, in particolare quando si parla di gallette (38,6%) e cracker (33,7%). Tra i prodotti maggiormente consumati, al primo posto quelli con cereali misti (25,7%), seguiti a pari merito dai sostituti del pane realizzati con farina integrale, segale o riso (21,8%).

Ormai parte integrante della dieta per molti consumatori, più di 3 rispondenti su 10 consumano quotidianamente le alternative del pane e circa la metà (45,5%) li porta in tavola tra le 3 e le 4 volte a settimana. Apprezzati principalmente come fonte di carboidrati durante i pasti principali (48,5%), questi alimenti accompagnano anche i brindisi estivi, inserendosi di diritto tra gli stuzzichini più amati agli aperitivi domestici per il 35,6% degli intervistati. Versatili e pratici, sono particolarmente usati anche per un pranzo al sacco quando si è in vacanza (29,7%), magari proprio da gustare sotto l’ombrellone, oppure come “schiscetta” da portare in ufficio (9,9%), poiché semplici da preparare e avere con sé.

L’indagine di Everli mostra che il 31% degli abitanti del Belpaese ha eliminato il pane dalla propria dieta, in favore dei suoi sostituti, eppure «rimane un’ottima scelta nutrizionale, se fatto con farina di grano duro integrale e biologico, acqua, sale e pasta madre», spiega la nutrizionista. A rendere le alternative del pane così irrinunciabili è principalmente il loro essere facilmente digeribili (34,7%) e salutari (19,8%), ma anche la soluzione prediletta da chi segue una dieta dimagrante (21,8%). Ma è davvero così? Come spiega la dottoressa Nobile, «molti di questi prodotti sono arricchiti di zuccheri, sciroppo di glucosio o fruttosio, grasso vegetale e olio di palma. È necessario sfatare il mito che i cibi dichiarati “light” aiutino a dimagrire o siano più salutari. Spesso prodotti che riportano diciture come “a basso contenuto di grassi” sono in realtà particolarmente ricchi di zuccheri o dolcificanti, che hanno conseguenze peggiori a livello gastrointestinale».

Una buona alternativa per chi preferisce non consumare il pane – per scelta o per problematiche legate alla salute, come la sensibilità al glutine, al frumento o la celiachia – sono le gallette soprattutto quelle di riso integrale, grano saraceno, quinoa, miglio, amaranto. E lo sanno bene gli Italiani, che le preferiscono anche ai più golosi grissini e taralli (38,6% vs 10,9%). Da un punto di vista nutrizionale, le gallette sono un valido alleato per un pasto rapido e bilanciato, in particolare se consumante insieme a proteine e grassi. A tal proposito, la nutrizionista coinvolta da Everli consiglia di arricchire le gallette con un filo di olio di oliva Evo, della bresaola e pomodoro o dell’avocado e salmone, in quanto «abbinare tali fonti di carboidrati a verdure, proteine e grassi evita che gli zuccheri vengano assorbiti troppo velocemente e che, dopo poco, la fame torni ancora più forte di prima».

Gli italiani e i sostituti del pane. L’indagine di Everli

Letizia Ceriani

Foodcommunity.it
 
è il sito del Gruppo dedicato al business del settore food & beverage nato nel 2016. Il portale ha l’obiettivo di raccontare, attraverso notizie e approfondimenti, lo scenario economico e i protagonisti del mondo enogastronomico in Italia e all’estero.
Grande attenzione è rivolta agli chef stellati e alle aperture di nuovi ristoranti, così come alle mosse delle aziende del food, dalle multinazionali ai piccoli produttori.
Il mondo del cibo raccontato con un approccio economico e il faro puntato sui personaggi più rilevanti del settore (Chef, ristorazione alta gamma, piccoli produttori di eccellenza).
 
Inoltre, ogni due settimane, Foodcommunity.it pubblica contenuti su MAG, il primo quindicinale digitale interattivo dedicato alla business community italiana. In ogni numero: interviste a avvocati, general counsel, amministratori delegati, avvocati, banker, advisor, fiscalisti; studi di settore; interviste; report post awards etc. Fra i grandi appuntamenti annuali di Foodcommunity.it per MAG, i fatturati degli studi e la classifica dei 50 Best Lawyers.

MAG è digitale, gratuito e disponibile su App Store, Google Play (MAG LC) e sui portali del Gruppo LC Publishing Group.

Per maggiori informazioni, visita il sito del Gruppo www.lcpublishinggroup.com

LC srl – Via Tolstoi 10 – 20146 Milano – Tel. 0236727659 – C.F./P.IVA 07619210961
REA 1971432 Registro delle Imprese di Milano – Cap. Soc. Euro 10.000,00 i.v.

Copyright 2022 © All rights Reserved. Design by Origami Creative Studio

SHARE