a
giovedì 17 giu 2021
HomeFoodFruttagel, i ricavi 2020 sfiorano i 129 milioni

Fruttagel, i ricavi 2020 sfiorano i 129 milioni

Fruttagel, i ricavi 2020 sfiorano i 129 milioni

Crescono bevande vegetali (+17%), bene i derivati del pomodoro (+7%). Produzioni biologiche valgono il 25% del fatturato caratteristico.

Fruttagel, azienda cooperativa di trasformazione agroindustriale di Alfonsine (Ravenna), ha approvato nei giorni scorsi il bilancio 2020. Fatturato a quota 128,9 milioni di euro, in leggero calo rispetto all’anno precedente chiuso a 133,1 milioni di euro. L’export è, invece, stabile con il 6,9% del fatturato complessivo. Bene il comparto del biologico che, nonostante le ridotte vendite nel foodservice, raggiunge i 31,2 milioni di euro.

L’azienda ha confermato il piano di investimenti 2021 a quota 7,4 milioni di euro che prevede: nuovo magazzino automatizzato, innovazione tecnologica, efficientamento produttivo, economia circolare.

“Fruttagel, come tutta la filiera agroalimentare italiana, ha saputo reagire con forza e determinazione a un anno molto complesso. In questo contesto, siamo riusciti a realizzare il risultato di equilibrio pianificato grazie anche a una maggiore focalizzazione sulle aree di business a più alto valore aggiunto, al raggiungimento di maggiori efficienze produttive e al monitoraggio dei costi”, – sottolinea Stanislao Giuseppe Fabbrino (nella foto), presidente e amministratore delegato Fruttagel.

Rispetto all’andamento dei diversi comparti, ottima la performance delle bevande vegetali (+17%) che valgono 9,7 milioni di euro. Buono anche l’andamento dei derivati del pomodoro, che segnano un incremento del +2% rispetto all’anno precedente, per un’incidenza sul fatturato di 18 milioni di euro. In leggero calo i vegetali surgelati, il cui fatturato 2020 ammonta a 60,6 milioni di euro (-3,6%). Flessione anche per succhi, bevande a base frutta e the che vale 38,1 milioni di euro. Le produzioni biologiche hanno, invece, sviluppato il 25% del totale del fatturato caratteristico, confermandosi strategiche per l’azienda ravennate.

“Abbiamo davanti uno scenario assai incerto – conclude Fabbrino – caratterizzato dalla flessione del potere di acquisto delle famiglie e da un significativo aumento dei costi delle materie prime, oltre che dalle difficoltà dell’agricoltura legate al cambiamento climatico. Tutta la filiera agroindustriale è chiamata a un rinnovato impegno nei confronti del consumatore che deve essere aiutato a sprecare meno e a consumare meglio, fornendo nuovi elementi di scelta che vadano oltre il prezzo del prodotto. Dobbiamo superare questo modello di consumo basato sul prezzo basso e sulla logica del massimo ribasso per evitare che le difficoltà di oggi possano segnare in maniera irreversibile il nostro settore”.

 

Vota questo articolo
Nessun commento

Aggiungi un commento

Accesso

Hai dimenticato la Password?

Registrati

Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.