a
venerdì 06 dic 2019
HomeDistribuzioneEurobond da 1 miliardo per Esselunga

Eurobond da 1 miliardo per Esselunga

Eurobond da 1 miliardo per Esselunga

Esselunga ha emesso un prestito obbligazionario Eurobond rivolto a investitori istituzionali in due tranche per un valore complessivo di 1 miliardo di euro.

La prima tranche di 500 milioni ha scadenza nel 2023 e cedola dello 0,875%. La seconda tranche di 500 milioni ha scadenza nel 2027 e cedola dello 1,875%. Le obbligazioni sono quotate sul mercato regolamentato della Borsa del Lussemburgo.

Gli studi legali internazionali White & Case, Clifford Chance e Pirola Pennuto Zei & Associati hanno agito nell’ambito dell’emissione: White & Case ha assistito la società emittente in relazione agli aspetti di diritto italiano e inglese, Clifford Chance ha assistito gli istituti di credito in relazione agli aspetti di diritto italiano e inglese dell’operazione, Pirola Pennuto Zei & Associati ha assistito Esselunga per gli aspetti fiscali.

Banca IMI, Citi, Mediobanca e UniCredit hanno agito in qualità di joint lead manager, mentre Banca Akros-Gruppo Banco BMP e UBI hanno agito come co-manager.

Il bond servirà al colosso italiano della grande distribuzione a rimborsare una parte degli 1,5 miliardi di debito contratto col pool di banche che a fine giugno ha finanziato il riacquisto del 67% de La Villata Immobiliare, società a cui fa capo la maggior parte dei negozi, nell’ambito del riassetto tra gli eredi del fondatore Bernardo Caprotti, scomparso nel 2016.

Esselunga, di cui è vice presidente Marina Caprotti (nella foto), figlia di Bernardo, con questo collocamento si confronta per la prima volta col mercato in vista della quotazione in Borsa, prevista entro il 2019.

Vota questo articolo
Nessun commento

Aggiungi un commento

Accesso

Hai dimenticato la Password?

Registrati

Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.