a
mercoledì 12 mag 2021
HomeFoodReputazione, l’alimentare è il settore più apprezzato dai consumatori

Reputazione, l’alimentare è il settore più apprezzato dai consumatori

Reputazione, l’alimentare è il settore più apprezzato dai consumatori

La reputazione di un brand dipende oggi per il 35% dall’impatto sociale della marca, le tv sono le fonti di informazioni più credibili. Il customer care è il fattore con aspettative e delusioni maggiori.

La società di consulenza strategica in comunicazione Omnicom PR Group per la prima volta ha analizzato la reputazione di nove settori chiave dell’economia italiana, con 72 brand a essi associati, nello studio “Post-Invasion”. Limitazioni ambientali e sociali legate alla pandemia che creano un consumatore nervoso e fortemente insoddisfatto del customer care ricevuto. Brand reputation che dipende solo per il 45% dai benefici provenienti da prodotti/servizi, per il 35% dall’impatto sociale della marca e per il 20% dai comportamenti dei vertici aziendali. Tv, istituzioni e associazioni di consumatori i mezzi di informazione più credibili; nessuno dei nove settori soddisfa le aspettative su rispetto sul customer care. Dal “non dichiarato” degli italiani, emerso attraverso rilevazioni neurometriche, i brand percepiti spesso come “commodity”. A rischio la fedeltà alla marca. Questo, in sintesi, è ciò che emerge.

Nel dichiarato dei consumatori food (35,3%), grande distribuzione (30,3%) e automotive (28,1%) sono i settori più vitali, mentre il comparto energy & utilities raccoglie pochi consensi e moltissimi indecisi.

From “Selling to Serving” è questo il cambiamento che i consumatori richiedono alle aziende, inteso come servizio verso le persone, l’ambiente e la comunità. In un contesto socioeconomico in continuo cambiamento non stupisce come le aspettative degli intervistati siano più alte rispetto al passato. In conseguenza a questo, l’esperienza vissuta dai consumatori presenta gap rispetto alle attese, soprattutto per quanto riguarda la cura dei clienti, l’attenzione verso l’ambiente, e l’offerta di prodotti a maggior valore. La digitalizzazione forzata di alcuni servizi di assistenza e vendita ha influito negativamente sulla creazione di questo percepito.

Tuttavia, gli sforzi messi in campo dal comparto non sono passati inosservati e hanno decretato il settore alimentare come il più apprezzato dagli italiani.

Paola Chiasserini, senior business manager – Food, Beverage & Nutrition Industry Lead di Omnicom PR Group Italia, commenta: “Le aziende del food lo scorso anno sono state grandi protagoniste di iniziative dedicate a supportare le comunità durante la pandemia. Questo ‘saper fare’ è stato supportato da una comunicazione efficace nel complesso e da investimenti finalizzati a raccontare al meglio l’impegno quotidiano a favore delle persone e della società. L’attivismo dimostrato è stato apprezzato dagli italiani che […] valuta la sua comunicazione ‘oltre alle aspettative’ in connotazione positiva.»

I risultati dello studio neurometrico del report Post-Invasion hanno la finalità di far emergere il non-dichiarato, ovvero la vicinanza valoriale e engagement emotivo. L’atteggiamento generale è di un consumatore meno fedele, molto più concentrato su ciò che è essenziale e funzionale alla vita di ogni giorno. Nell’ambito del settore alimentare, l’analisi ha evidenziato l’efficacia di una strategia comunicativa. Si mette al centro dello storytelling del brand i messaggi legati alla sostenibilità e alla cura dei dipendenti. Questi messaggi, soprattutto se supportati da evidenze e fatti, inducono ad atteggiamenti impliciti e indicatori di interesse e piacevolezza positivi. La qualità del prodotto si conferma un topic che rassicura razionalmente ma non riesce ad ingaggiare emotivamente il consumatore.

Vota questo articolo
Nessun commento

Aggiungi un commento

Accesso

Hai dimenticato la Password?

Registrati

Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.