a
giovedì 18 lug 2019
HomeGli strumenti del ciboAl cinese Yindu va il 24% di Piron

Al cinese Yindu va il 24% di Piron

Al cinese Yindu va il 24% di Piron

Sempre più internazionale: l’accordo permetterà a Piron di crescere ed espandersi in Cina e Usa

Piron, specializzata nella progettazione e realizzazione di forni per la cottura professionale a controllo remoto, ha firmato un accordo con la multinazionale Yindu Kitchen equipment. Quotata in borsa a Shangai e operante nel settore dei prodotti e attrezzature per la ristorazione professionale, Yindu ha acquisito una quota del 24% del capitale dell’azienda padovana.

Con questa operazione la società asiatica favorirà l’espansione commerciale dei marchi Piron ed Explora sui mercati della cottura professionale in Oriente e in Usa.  L’apporto finanziario e strategico di Yindu favorirà inoltre il potenziamento dell’attuale sito produttivo, consentendo di produrre in Italia i prodotti della società veneta che saranno commercializzati in tutto il mondo.

Questa operazione premia tenacia e fiducia della società nelle attività di ricerca e sviluppo da sempre sviluppate e orientate a sfruttare la connettività degli apparecchi. Cucina 4.0” è nata in Piron prima che si parlasse di Industria 4.0”, hanno dichiarato, Italo Tommasin e Francesco Celentano contitolari dell’azienda “e ci consente di moltiplicare le nostre capacità di esportazione sostenendo la crescita dell’azienda e ancora degli investimenti in ricerca”.

Vota questo articolo
Nessun commento

Aggiungi un commento

Accesso

Hai dimenticato la Password?

Registrati

Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.