a
giovedì 23 set 2021
HomeFoodFatturato da 135 milioni, Rigamonti punta al raddoppio della produzione

Fatturato da 135 milioni, Rigamonti punta al raddoppio della produzione

Fatturato da 135 milioni, Rigamonti punta al raddoppio della produzione

Il gruppo chiude il 2020 in crescita del 7% e annuncia investimenti per 25 milioni.

Rigamonti lancia la prima Carta delle Bresaole. Il vademecum è dedicato ai consumatori, per scoprire il prodotto tipico a partire da origine, gusto e caratteristiche delle carni in base alle razze.

L’azienda valtellinese della bresaola punta sempre di più su qualità totale, filiere certificate e diversificazione di gamma.

Perché non esiste solo una ma tante bresaole. Non c’è solo quella della Valtellina igp, quarto tra i salumi dop e igp in Italia per valore alla produzione, e che per Rigamonti vale circa il 50% del fatturato. C’è anche quella certificata 100% italiana 4 IT da razze nostrane (come Bruna Alpina e presto la Fassona). Per chi cerca sapori più decisi. invece, c’è il salume a base di Black Angus – da Australia, Usa o Uk. Infine c’è la Gran Fesa Rigamonti da bovini di razze europee charolaise e limousine.

Al vademecum si affiancherà una campagna social sui canali Facebook e Instagram di Rigamonti e una pagina ad hoc dedicata ai consumatori.

Per Claudio Palladi, ad Rigamonti: “È fondamentale non demonizzare la provenienza estera della materia prima: i quantitativi di carne italiana destinati alla bresaola – oggi pari a 700 tonnellate di cui 500 acquistate da Rigamonti – non saranno mai in grado di soddisfare l’intero mercato. Senza la materia prima estera non esisterebbe la Bresaola. Quello che conta è il percorso di qualità totale intrapreso nella selezione della carne estera […]. Questi due concetti non sono in antitesi ma vanno di pari passo. Ad oggi siamo gli unici sul mercato a visitare personalmente le fazendas in Brasile e ad attuare per la carne sudamericana un controllo di filiera certificato CSQA […]. Così come siamo gli unici a produrre in accordo con Coldiretti la Bresaola da filiera 100% italiana (4IT), con animali nati, allevati, macellati e lavorati in Italia. Una nicchia cresciuta del 20% nell’ultimo anno ma che può e deve crescere ancora”.

Quella della filiera italiana è una grande sfida per Rigamonti, considerata la limitazione della materia prima.

 

Oggi – spiega Palladi – lavoriamo 500 tonnellate di carne italiana, pari al 4% della nostra produzione, ma sono convinto che grazie alla sinergia avviata con Coldiretti sarà possibile superare le mille tonnellate. Tra le novità a cui stiamo lavorando c’è anche la valorizzazione della filiera della fassona piemontese, che arriverà sul mercato entro fine anno. […] entro il 2023 arriveremo a preparare con carne italiana il 10% delle 60mila bresaole da noi prodotte ogni settimana”.

Vota questo articolo
Nessun commento

Aggiungi un commento

Accesso

Hai dimenticato la Password?

Registrati

Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.