Peraboni: «Serve una grande fiera per il food»

All’Italia manca una fiera internazionale dell’agroalimentare proporzionale al valore del Made in Italy nel mondo. Per questo serve un salto di qualità nell’organizzazione di una manifestazione di settore che può avere come centro Milano.

Ne è convinto l’amministratore delegato di Fiera Milano, Corrado Peraboni (nella foto), che ha spiegato al Sole24Ore: «L’Anuga di Colonia e il Sial di Parigi hanno un tasso di internazionalizzazione che in Italia nessuna fiera oggi ha. Noi, nell’ultima edizione di Tuttofood, abbiamo raggiunto i 77 mila metri quadrati espositivi, ma abbiamo un gap di 40 mila metri rispetto al salone di Parigi. E dobbiamo confrontarci con i 150 mila metri dell’Anuga».

Secondo Peraboni, dopo Expo «oggi presentare l’Italia e Milano al mondo è più facile perchè la credibilità è cresciuta e di molto. La chiave di volta, la sfida se vogliamo usare questo termine, è avere la capacità di offrire piattaforme veramente internazionali. Qui sta la differenza e i numeri, allora, hanno un peso. È difficile che i buyer corrano ad una fiera se non c’è una massa critica che rappresenti realmente il settore».

«Dobbiamo riuscire in due o tre edizioni di Tuttofood ad avvicinare e poi superare il Sial di Parigi», ha aggiunto Peraboni, «come abbiamo fatto nel design e nel mobile dove oggi siamo leader mondiali. La fiera aiuta le piccole imprese, le start up a crescere e a internazionalizzarsi, a costi accessibili».

Ma per riuscirci «serve uno sforzo nazionale, senza logiche territoriali e politiche. Ora tocca ai vari attori mettersi assieme e pensare in termini di sistema Paese. Solo così si può crescere e diventare davvero internazionali e attrattivi per espositori e buyer».

Invece nella situazione attuale dall’8 all’11 maggio 2017 è previsto a Milano Tuttofood, dall’10 al 12 maggio Macfrut a Rimini; in aprile il Vinitaly a Verona e a cavallo di questi due eventi Parma si inserisce con CibusConnect. «In due mesi quattro esposizioni, così facciamo solo un favore alle fiere agroalimentari tedesche, francesi e spagnole», ha concluso Peraboni.

Peraboni: «Serve una grande fiera per il food»

Leave a Reply

Foodcommunity.it
 
è il sito del Gruppo dedicato al business del settore food & beverage nato nel 2016. Il portale ha l’obiettivo di raccontare, attraverso notizie e approfondimenti, lo scenario economico e i protagonisti del mondo enogastronomico in Italia e all’estero.
Grande attenzione è rivolta agli chef stellati e alle aperture di nuovi ristoranti, così come alle mosse delle aziende del food, dalle multinazionali ai piccoli produttori.
Il mondo del cibo raccontato con un approccio economico e il faro puntato sui personaggi più rilevanti del settore (Chef, ristorazione alta gamma, piccoli produttori di eccellenza).
 
Inoltre, ogni due settimane, Foodcommunity.it pubblica contenuti su MAG, il primo quindicinale digitale interattivo dedicato alla business community italiana. In ogni numero: interviste a avvocati, general counsel, amministratori delegati, avvocati, banker, advisor, fiscalisti; studi di settore; interviste; report post awards etc. Fra i grandi appuntamenti annuali di Foodcommunity.it per MAG, i fatturati degli studi e la classifica dei 50 Best Lawyers.

MAG è digitale, gratuito e disponibile su App Store, Google Play (MAG LC) e sui portali del Gruppo LC Publishing Group S.p.A.

Per maggiori informazioni, visita il sito del Gruppo www.lcpublishinggroup.com

LC Publishing Group S.p.A. – Via Tolstoi 10 – 20146 Milano – Tel. 0236727659 – C.F./P.IVA 07619210961
REA 1971432 Registro delle Imprese di Milano – Cap. Soc. Euro 50.000,00 i.v.

Copyright 2022 © All rights Reserved. Design by Origami Creative Studio

SHARE