Parte Meta Boost, il programma di Meta a supporto delle pmi green

In occasione dell’Earth Day parte in Italia “Meta Boost: Guide to Green”, il nuovo progetto promosso da Meta (nuova denominazione della società Facebook) in collaborazione con SME Climate Hub, Legambiente e Giovani Imprenditori Confcommercio.

Il progetto coinvolge in particolare i settori dell’hospitality, dell’agroalimentare e della ristorazione. L’offerta consiste in video training, risorse formative, una guida e un webinar gratuito con le migliori pratiche per portare la sostenibilità al centro dell’attività delle aziende.

L’obiettivo è sviluppare iniziative concrete per dimezzare le emissioni di gas serra entro il 2030 e azzerare le emissioni nette entro il 2050, puntando a limitare l’aumento delle temperature a 1,5°C.

«La sfida che stiamo affrontando sui cambiamenti climatici è globale e più urgente che mai – ha dichiarato Luca Colombo, country director di Meta in Italia – Meta vuole fare la sua parte e abbiamo fissato un obiettivo ambizioso per essere a zero emissioni di carbonio su tutta la nostra catena del valore entro il 2030. Ma sono convinto che, la nostra iniziativa di maggior impatto, sia la collaborazione con altri attori intorno a noi per sviluppare e condividere soluzioni sostenibili a questo problema, perché il cambiamento climatico è una sfida troppo grande da affrontare da soli. Siamo orgogliosi di lavorare con SME Climate Hub, Legambiente e Giovani Imprenditori Confcommercio in Italia per lanciare il nostro primo programma di sostenibilità per le piccole e medie imprese, con workshop, risorse e condivisione di esempi virtuosi. Noi crediamo, e abbiamo sempre creduto, che le pmi siano il cuore pulsante delle nostre economie, ma ora più che mai abbiamo bisogno che diventino anche il cuore pulsante di un futuro più sostenibile».

Le pmi rappresentano infatti il 99,7% delle aziende dell’UE; queste creano il 66% dell’occupazione totale, ma hanno un’impronta ecologica pari al 70% dell’inquinamento industriale. La svolta ecologica potrebbe avere un impatto importante sulle PMI, se si considera che il 77% delle persone nell’area EMEA valuta la sostenibilità di un brand prima di provarlo.

Il piano Meta

Affezionato al tema green, Meta sta lavorando per ridurre al minimo il proprio impatto ambientale. Sono in atto alcuni progetti di costruzione di data center e luoghi di lavoro sostenibili che utilizzano per tutte le proprie attività il 100% di energia da fonti rinnovabili; dal 2021, inoltre, ha raggiunto il traguardo “emissioni zero” per le proprie operazioni globali. Un obiettivo conseguito riducendo del 94% le proprie emissioni di gas serra negli ultimi 4 anni.

Meta sta, inoltre, sfruttando le proprie piattaforme per condividere informazioni sull’impatto dei cambiamenti climatici: attraverso il Centro sulle Scienze Climatiche su Facebook, mette in contatto le persone con le risorse di oltre 200 organizzazioni climatiche del mondo. Attraverso una specifica sezione mostra anche le emissioni di gas serra dei vari Stati rispetto agli impegni presi, rendendo le informazioni il più trasparenti possibili.

La svolta ecologica potrebbe avere, un impatto importante sulle PMI, soprattutto se si considera che oggi i consumatori sono sempre più attenti ai prodotti e ai servizi che acquistano. Il 77% delle persone nell’area EMEA considera la sostenibilità di un brand prima di provarlo e il 50% si dichiara disposto a pagare di più per un prodotto destinato a essere riutilizzato o riciclato.  Anche gli italiani sono attenti a questo tema: 9 persone su 10 sono consapevoli della gravità della situazione ambientale e il 32% delle famiglie negli acquisti alimentari considera la sostenibilità dei prodotti come principale driver di scelta . Inoltre, nel nostro Paese più di 900mila persone fanno parte di almeno uno dei quasi 12mila gruppi Facebook dedicati alla scoperta, alla protezione e alla valorizzazione dell’ambiente .

«Il futuro del nostro Pianeta è strettamente connesso alla sostenibilità delle azioni che scegliamo di intraprendere oggi: la transizione ecologica necessita di concretezza e, in questa sfida le piccole e medie imprese giocano un ruolo di primo piano, sia in termini di impatto sull’ambiente che di responsabilità verso i cittadini – ha dichiarato Giorgio Zampetti, Direttore Generale di Legambiente – Rendere le imprese, in particolare quelle piccole e medie, consce delle misure e degli strumenti a loro disposizione per ridurre al minimo gli impatti diretti e indiretti delle loro attività è l’obiettivo di questo progetto, cui siamo lieti di dare il nostro apporto, forti di un’esperienza quarantennale in favore dell’ambiente. Dalla riduzione dei consumi energetici all’implementazione delle rinnovabili, i passi da potere compiere sono diversi, ma tutti essenziali a contrastare gli effetti di una crisi climatica che ci impone di dimezzare le emissioni climalteranti entro la fine del decennio».

Parte Meta Boost, il programma di Meta a supporto delle pmi green

FabioAdmin

Foodcommunity.it
 
è il sito del Gruppo dedicato al business del settore food & beverage nato nel 2016. Il portale ha l’obiettivo di raccontare, attraverso notizie e approfondimenti, lo scenario economico e i protagonisti del mondo enogastronomico in Italia e all’estero.
Grande attenzione è rivolta agli chef stellati e alle aperture di nuovi ristoranti, così come alle mosse delle aziende del food, dalle multinazionali ai piccoli produttori.
Il mondo del cibo raccontato con un approccio economico e il faro puntato sui personaggi più rilevanti del settore (Chef, ristorazione alta gamma, piccoli produttori di eccellenza).
 
Inoltre, ogni due settimane, Foodcommunity.it pubblica contenuti su MAG, il primo quindicinale digitale interattivo dedicato alla business community italiana. In ogni numero: interviste a avvocati, general counsel, amministratori delegati, avvocati, banker, advisor, fiscalisti; studi di settore; interviste; report post awards etc. Fra i grandi appuntamenti annuali di Foodcommunity.it per MAG, i fatturati degli studi e la classifica dei 50 Best Lawyers.

MAG è digitale, gratuito e disponibile su App Store, Google Play (MAG LC) e sui portali del Gruppo LC Publishing Group S.p.A.

Per maggiori informazioni, visita il sito del Gruppo www.lcpublishinggroup.com

LC Publishing Group S.p.A. – Via Tolstoi 10 – 20146 Milano – Tel. 0236727659 – C.F./P.IVA 07619210961
REA 1971432 Registro delle Imprese di Milano – Cap. Soc. Euro 50.000,00 i.v.

Copyright 2022 © All rights Reserved. Design by Origami Creative Studio

SHARE