a
giovedì 16 set 2021
HomeFoodMercato del miele crolla del 95% causa clima

Mercato del miele crolla del 95% causa clima

Mercato del miele crolla del 95% causa clima

Sbalzi climatici e basse temperature fanno calare il mercato del miele nelle principali regioni produttrici: Toscana ed Emilia-Romagna registrano un calo della produzione del 95%.

Sono i dati dichiarati dall’Asga (Associazione apicoltori Arezzo Siena e Grosseto).

In Lombardia i danni legati al clima sulla produzione di miele superano i 30 milioni di euro. In media, un alveare ha prodotto tra mezzo chilo e un chilo, contro i 20 chili degli scorsi anni. Anche a Sud, tra i leader per la produzione del miele d’arancio e miele di sulla, i dati di produzione di Sicilia e Puglia sono scesi rispetto alla media del 50%.

«La notorietà di Montalcino – spiega il sindaco Silvio Franceschelli – quest’anno la utilizzeremo per evidenziare la criticità produttiva di miele della Toscana e delle altre regioni italiane».

Le condizioni climatiche avevano seriamente compromesso le produzioni primaverili di tarassaco e di ciliegio, con anche la quasi totale perdita della produzione di miele di acacia, causa un clima fortemente sfavorevole di sbalzi climatici, basse temperature e inaspettate gelate registrate sia al Nord sia nel Centro Italia. Sono state gravemente compromesse le fioriture di mandorli, ciliegia, asfodelo, trifoglio ed agrumi al Sud, azzerando le produzioni di nettare necessarie per permettere alle api di colonizzarsi e svilupparsi per i raccolti successivi.

Il clima degli ultimi mesi, inoltre, ha reso difficoltosa la raccolta e l’immagazzinamento del nettare, che è servito innanzitutto per il nutrimento delle api: in molti casi gli allevatori sono stati costretti a costosi interventi di nutrizione artificiale degli alveari per evitare che morissero di fame e per salvare gli allevamenti. Anche le fecondazioni delle api regine, sempre a causa delle condizioni atmosferiche, si sono ridotte di circa il 20%.

Si chiude dunque negativamente l’annata apistica 2020-2021 . Salta anche l’appuntamento annuale della Settimana del miele di Montalcino (Siena), organizzata dall’Associazione apicoltori   che sta progettando numerose iniziative volte alla salvaguardia dell’ambiente e della biodiversità.

Vota questo articolo
Nessun commento

Aggiungi un commento

Accesso

Hai dimenticato la Password?

Registrati

Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.