Ecco la differenza tra ghost restaurant e dark kitchen

Si aspettano interventi legislativi che, attraverso regole certe, obiettive ed uniformi, tutelino sia coloro che intendono intraprendere questo tipo di attività sia coloro che ne fruiscono.

Il grande sviluppo del food delivery, anche e soprattutto in epoca pandemica, ha inciso profondamente sulla ristorazione, oggi sempre più attenta non soltanto ai piatti da servire in sala, ma anche a quelli da recapitare a domicilio. Suddividere la propria attività su questi due fronti, ha fatto sì che l’attenzione del settore ristorativo ai servizi di food delivery sia via via aumentata al punto che, complici le chiusure imposte dalla crisi sanitaria, alternate a parziali riaperture in cui la cucina era destinata al solo asporto e consegna a domicilio, si è giunti all’affermazione, anche nel nostro Paese, delle cosiddette “cucine fantasma” note come ghost o dark kitchen, ossia spazi dedicati alla preparazione e assemblaggio di piatti diretti alla sola consegna, quindi senza somministrazione in loco. Ma con una differenza.

COSA CAMBIA?

Si parla ghost restaurant quando un ristorante, accanto alle tradizionali attività di cucina e sala, ne affianca un’altra che opera soltanto in rete, ricorrendo all’e-commerce e avvalendosi, prevalentemente, di piattaforme di food delivery.

Si parla invece di dark kitchen quando viene avviata ex novo un’attività di somministrazione alimentare con sola cucina e consegna domiciliare.

di alessandro klun

Scarica MAG e continua a leggere.

Ecco la differenza tra ghost restaurant e dark kitchen
Foodcommunity.it
 
è il sito del Gruppo dedicato al business del settore food & beverage nato nel 2016. Il portale ha l’obiettivo di raccontare, attraverso notizie e approfondimenti, lo scenario economico e i protagonisti del mondo enogastronomico in Italia e all’estero.
Grande attenzione è rivolta agli chef stellati e alle aperture di nuovi ristoranti, così come alle mosse delle aziende del food, dalle multinazionali ai piccoli produttori.
Il mondo del cibo raccontato con un approccio economico e il faro puntato sui personaggi più rilevanti del settore (Chef, ristorazione alta gamma, piccoli produttori di eccellenza).
 
Inoltre, ogni due settimane, Foodcommunity.it pubblica contenuti su MAG, il primo quindicinale digitale interattivo dedicato alla business community italiana. In ogni numero: interviste a avvocati, general counsel, amministratori delegati, avvocati, banker, advisor, fiscalisti; studi di settore; interviste; report post awards etc. Fra i grandi appuntamenti annuali di Foodcommunity.it per MAG, i fatturati degli studi e la classifica dei 50 Best Lawyers.

MAG è digitale, gratuito e disponibile su App Store, Google Play (MAG LC) e sui portali del Gruppo LC Publishing Group.

Per maggiori informazioni, visita il sito del Gruppo www.lcpublishinggroup.com

LC srl – Via Tolstoi 10 – 20146 Milano – Tel. 0236727659 – C.F./P.IVA 07619210961
REA 1971432 Registro delle Imprese di Milano – Cap. Soc. Euro 10.000,00 i.v.

Copyright 2022 © All rights Reserved. Design by Origami Creative Studio

SHARE