a
mercoledì 30 set 2020
HomeGli strumenti del ciboApre a Terni il primo negozio senza casse in Italia

Apre a Terni il primo negozio senza casse in Italia

Apre a Terni il primo negozio senza casse in Italia

Inaugura in Umbria VivoGreen, lo store del futuro basato sugli invisible payments di Nexi, partner del progetto.

A Terni apre VivoGreen, il primo negozio italiano completamente privo di casse in cui i clienti possono prelevare i prodotti da acquistare, posarli nella propria borsa e uscire attraverso un apposito gate. La tecnologia Rfid, identifica in pochi istanti ogni prodotto scelto e ne addebita il costo sulla carta di credito.

Nexi ha realizzato l’infrastruttura tecnologica che consente questo processo d’acquisto e pagamento chiamato “invisible payments”. L’identificazione dei prodotti acquistati dal cliente e la procedura di addebito, infatti, vengono gestiti da XPay, il gateway di pagamento della paytech delle banche.

Per godere di questa modalità di fare la spesa i consumatori devono registrarsi a VivoGreen solo la prima volta, online o in negozio. I dati e la carta di pagamento vengono associati a una tessera VivoGreen che dà accesso allo store. Da quel momento è possibile accedere al punto vendita, scegliere i prodotti a scaffale, farsi servire dal personale per la merce da banco e uscire con la spesa.

“Si tratta del primo negozio fisico in Italia basato esclusivamente su invisible payments e siamo estremamente orgogliosi di essere noi ad averlo reso possibile”, dichiara Dirk Pinamonti, head of e-commerce di Nexi.

VivoGreen, che si estende su una superficie di 700 mq in cui si trovano prodotti alimentari e per la cura della persona, nasce dall’idea di Davide Milani.

Il professore dell’ITT Allievi-Sangallo di Terni ha voluto dare vita a una formula che coniugasse innovazione tecnologica, sostenibilità ambientale, valorizzazione della comunità locale.

VivoGreen, infatti, è nato come progetto didattico ed è poi stato sviluppato insieme ad alcune scuole superiori di Terni. Basato su un’economia circolare a consumo zero di rifiuti abbraccia la filosofia “meno inquino, meno pago”. Tutti i prodotti venduti sono imballati in materiali completamente biocompatibili, biodegradabili o in vetro.

“Il progetto nasce come esempio concreto di sostenibilità ambientale, di collaborazione con le scuole, di vicinanza al territorio. Abbiamo voluto che la tecnologia non fosse fine a sé stessa, ma messa al servizio della comunità per creare un vero valore aggiunto”, commenta  Milani.

Vota questo articolo
Nessun commento

Aggiungi un commento

Accesso

Hai dimenticato la Password?

Registrati

Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.