a
giovedì 18 apr 2019
HomeFoodLo spreco alimentare vale 15 miliardi, lo 0,88% di Pil

Lo spreco alimentare vale 15 miliardi, lo 0,88% di Pil

Lo spreco alimentare vale 15 miliardi, lo 0,88% di Pil

Secondo il Rapporto Waste Watcher 2019, l’80% dei rifiuti vengono prodotti all’interno delle mura domestiche e un italiano su cinque non se ne rende conto

Supera i 15 miliardi l’anno lo spreco alimentare in Italia, lo 0,88% del Pil, di cui quasi l’80% prodotto in casa. Questi, in sintesi, i dati diffusi alla Fao in occasione della sesta Giornata Nazionale di Prevenzione dello spreco alimentare, dal progetto 60 Sei ZERO dell’Università di Bologna con il Ministero dell’Ambiente e la campagna Spreco Zero dello spin off Last Minute Market.

Tra i rifiuti che finiscono più spesso nella pattumiera ci sono pane e verdure fresche seguiti da bevande analcoliche, legumi, frutta fresca e pasta.

Nelle fasi di produzione e distribuzione, invece, il cibo buttato vale poco più di tre miliardi, il 21,1% del totale. Secondo il Rapporto Waste Watcher 2019 il 20% degli intervistati dichiara che si spreca soprattutto nel commercio (47%) e nel pubblico, dalle scuole agli ospedali, dagli uffici alle caserme (27%). Una situazione comunque in netto miglioramento dove gli effetti della sensibilizzazione anti-spreco casalingo si sentono. Oggi appena l’1% dichiara di gettare cibo ogni giorno, mentre nelle rilevazioni 2014/2015 lo dichiarava 1 italiano su 2.

Vota questo articolo
Nessun commento

Aggiungi un commento

Accesso

Hai dimenticato la Password?

Registrati

Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.