Per la distribuzione flessione dei ricavi fino al 28%

Il rapporto The European House – Ambrosetti ha analizzato gli effetti della situazione di crisi attuale generata dal Covid-19 sui consumi, i ricavi, l’occupazione, gli investimenti e i costi della distribuzione food e non food.

L’emergenza Covid-19 rappresenta uno shock combinato di domanda e di offerta senza precedenti per l’economia italiana.

Dall’analisi di oltre 250mila bilanci di imprese del settore negli ultimi cinque anni, The European House – Ambrosetti stima che a fine 2020 i ricavi totali del settore della distribuzione diminuiranno tra il 20,5% e il 28,2%. I ricavi delle imprese della distribuzione alimentare subiranno un impatto più limitato rispetto al resto.

La riduzione dei ricavi avrà un impatto negativo rilevante sulle casse dello Stato. L’iva non riscossa potrà sfiorare i 32,9 miliardi di euro. Al mancato incasso si aggiungerà anche la perdita erariale per il mancato gettito sull’attività economica delle imprese del settore.

Lo studio mette in evidenza che la contrazione dei ricavi del settore della distribuzione avrà impatti occupazionali rilevanti. C’è una quota di occupati a rischio tra 220mila e 380mila unità.

Poiché più del 60% degli occupati del settore della distribuzione è donna e saranno proprio loro, inoltre, a subire un impatto maggiore.

“Se l’Italia vuole tornare a crescere deve, tra le altre cose, preoccuparsi di sostenere i consumi, che rappresentano il 60% del PIL – dichiara Valerio De Molli, Managing Partner & CEO, The European House – Ambrosetti -. Distribuzione alimentare e non alimentare sono un settore economico strategico per il futuro del Paese. Sono 542 miliardi di euro il fatturato generato e oltre 2,3 milioni di occupati”.

Con 9,8 miliardi di Euro investiti nel 2019 la distribuzione è il primo settore su 99 per investimenti in Italia– dichiara Claudio Gradara, Presidente di Federdistribuzione -. Non tutelare un settore strategico per gli investimenti sarebbe un autogol per la crescita e quindi per il futuro del Paese. Ed è per questo che chiediamo la giusta attenzione da parte del Governo”.

Scarica lo studio.

Per la distribuzione flessione dei ricavi fino al 28%

Leave a Reply

Foodcommunity.it
 
è il sito del Gruppo dedicato al business del settore food & beverage nato nel 2016. Il portale ha l’obiettivo di raccontare, attraverso notizie e approfondimenti, lo scenario economico e i protagonisti del mondo enogastronomico in Italia e all’estero.
Grande attenzione è rivolta agli chef stellati e alle aperture di nuovi ristoranti, così come alle mosse delle aziende del food, dalle multinazionali ai piccoli produttori.
Il mondo del cibo raccontato con un approccio economico e il faro puntato sui personaggi più rilevanti del settore (Chef, ristorazione alta gamma, piccoli produttori di eccellenza).
 
Inoltre, ogni due settimane, Foodcommunity.it pubblica contenuti su MAG, il primo quindicinale digitale interattivo dedicato alla business community italiana. In ogni numero: interviste a avvocati, general counsel, amministratori delegati, avvocati, banker, advisor, fiscalisti; studi di settore; interviste; report post awards etc. Fra i grandi appuntamenti annuali di Foodcommunity.it per MAG, i fatturati degli studi e la classifica dei 50 Best Lawyers.

MAG è digitale, gratuito e disponibile su App Store, Google Play (MAG LC) e sui portali del Gruppo LC Publishing Group S.p.A.

Per maggiori informazioni, visita il sito del Gruppo www.lcpublishinggroup.com

LC Publishing Group S.p.A. – Via Tolstoi 10 – 20146 Milano – Tel. 0236727659 – C.F./P.IVA 07619210961
REA 1971432 Registro delle Imprese di Milano – Cap. Soc. Euro 50.000,00 i.v.

Copyright 2022 © All rights Reserved. Design by Origami Creative Studio

SHARE