a
mercoledì 26 giu 2019
HomeGli strumenti del ciboCibus Tec 2019: il salone è sold out a quattro mesi dal via

Cibus Tec 2019: il salone è sold out a quattro mesi dal via

Cibus Tec 2019: il salone è sold out a quattro mesi dal via

La 52a edizione di Cibus Tec nasce nel segno dell’internazionalizzazione con tremila top buyer provenienti da 70 Paesi e il 30% di espositori esteri. Sono attesi oltre 40mila visitatori. Innovazioni tecnologiche per il food & beverage sarà il tema principale.

Cibus Tec 2019, la kermesse in programma alle Fiere di Parma dal 22 al 25 ottobre, è sold out. All’evento è prevista la partecipazione di 1.300 aziende, con una crescita del 30% rispetto la precedente edizione, con le tecnologie per tutte le filiere dell’agroalimentare e l’ingresso di un nuovo comparto, quello dei prodotti da forno e derivati dai cereali, snack e prodotti dolciari. Tra i 400 brand presenti in fiera ci saranno: Coca Cola, Dean Foods, Del Monte, Fonterra, Jbs, Kraft Heinz, Lactalis, Nadec, PepsiCo, Pinar, Schreiber Foods, Smithfield, Tiger Brands. Tra i Paesi più rappresentati figurano la Germania, Paesi Bassi, Danimarca, Svizzera, Francia. Ben nutrite anche le partecipazioni di aziende provenienti da Cina, Usa e Turchia. Risultati importanti, ottenuti anche grazie all’alleanza strategica con Koelnmesse che consente a Cibus Tec di far parte, dal 2016, della più grande piattaforma mondiale permanente del meccano-alimentare. 

Per la prima volta, negli 80 anni di storia del salone, un intero padiglione sarà dedicato alle soluzioni tecnologiche più innovative per succhi, latte, acque, soft drinks, birra, liquori e vino potendo contare sulla presenza di oltre 150 tra i principali fornitori italiani ed internazionali tra cui Adue, CFT, Della Toffola, Krones e Sacmi. Infine, cambio di passo del comparto del packaging: dal confezionamento primario all’imballaggio, dal fine line alla logistica con una crescita dell’area del 40% rispetto alla precedente edizione.

Secondo una ricerca di Prometeia, l’Italia vanta il primato nel settore delle tecnologie alimentari rappresentando il 32% della produzione dell’UE28, con 7,3 miliardi di euro di fatturato e una occupazione di circa 30mila addetti che dal 2013 al 2017 è cresciuta di 1812 unità, più di Germania e Francia. Un settore poco noto al grande pubblico ma che incarna il meglio della manifattura made in Italy: produzioni ad alto valore aggiunto e forte propensione all’export.

Nel 2017, grazie all’esportazione, il Bel Paese si collocava sul podio dei principali esportatori in molti comparti del tecno-alimentare: apparecchi per preparazione di bevande e cibi caldi (924 milioni di euro di export), macchine, apparecchi e strumenti per prodotti da forno (777 milioni), macchine per la lavorazione frutta e ortaggi (141 milioni), macchine e apparecchi per lavorazione di oli e grassi (113 milioni) e macchine per il vino (74 milioni). 

 

 

Vota questo articolo
Nessun commento

Aggiungi un commento

Accesso

Hai dimenticato la Password?

Registrati

Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.