Banca del Ceresio: ricavi +5,6% ed export +3,2% per il vino italiano

Il vino italiano cresce, ma troppo poco. Secondo i dati elaborati da Banca del Ceresio, lo scorso anno la crescita dei ricavi delle aziende vitivinicole italiane è stata di un +5,6% rispetto all’anno precedente. Il settore ha visto una ripresa delle vendite a partire dal 2014, e sul lungo periodo (2009 – 2017) la crescita è stata dell’1,8%. L’Italia è ad oggi il secondo paese al mondo in termini di valori per esportazioni di vino e per il 2018 le previsioni sono di un’ulteriore crescita del 3,25%.

Il quadro è positivo, ma il settore potrebbe fare di più. Se pure, infatti, l’Italia produce ed è più esperta della Francia (50,1 milioni di ettolitri il vino italiano, di cui 20,6 milioni di ettolitri vengono esportati; contro 43,5 milioni di ettolitri di vino francese, di cui ne esporta solo 14 milioni), il vino italiano costa e rende mediamente molto meno: il prezzo medio di quello italiano è 2,7 euro mentre 5,8 euro quello della Francia. Risultato: l’export francese vale 8,2 miliardi mentre quello italiano non supera i 5,6.

Nel Paese ci sono i maggiori produttori al mondo, ma piccoli e male organizzati. L’Italia ha infatti migliaia di piccoli produttori con pochi ettari di vitato che producono poche migliaia di bottiglie: solo 15 aziende superano i 100 milioni di fatturato (la più grande sfiora i 600 milioni).

“La nostra debolezza sta nella mancanza di un vero e proprio sistema Paese – spiega Alessandro Santini (nella foto) – che per Banca del Ceresio si occupa di servizi corporate, M&A e private equity per le imprese, in particolare nel settore food and wine. I nostri produttori spesso tendono a muoversi in modo frammentato, senza tenere conto del fatto che un’azione unitaria potrebbe portar maggiori risultati. Il “piccolo” oggi è diventato un handicap che impedisce al nostro Paese di crescere e competere. Il tessuto produttivo è frammentato e questo è il vero limite allo sviluppo dell’export”.

Un altro problema è la governance aziendale familiare tipica delle piccole imprese italiane anche nel settore vitivinicolo. “Il rischio in questi casi è quello di avere una proprietà che conceda poco spazio a membri esterni alla famiglia che possono portare nuove esperienze e nuove competenze – continua Santini -. Altra tendenza è ignorare le attività di marketing e promozione, ambito in cui i nostri vicini francesi hanno invece investito molto, ed è uno dei motivi che ha permesso loro di alzare il prezzo medio, che attualmente è oltre il doppio di quello italiano”.

Per continuare a competere in questo scenario, i produttori italiani non potranno che attenersi a delle regole sempre più importanti: “Continuare a produrre vini di ottima qualità; sfruttare il marketing e la comunicazione; aggregarsi e fondersi, trovare soluzioni per unire le forze anche sulla distribuzione e commercializzazione: questo è un fattore critico di successo. Infine, come categoria, serve promuovere la cultura del vino italiano all’estero”, conclude Santini.

Banca del Ceresio: ricavi +5,6% ed export +3,2% per il vino italiano

Leave a Reply

Foodcommunity.it
 
è il sito del Gruppo dedicato al business del settore food & beverage nato nel 2016. Il portale ha l’obiettivo di raccontare, attraverso notizie e approfondimenti, lo scenario economico e i protagonisti del mondo enogastronomico in Italia e all’estero.
Grande attenzione è rivolta agli chef stellati e alle aperture di nuovi ristoranti, così come alle mosse delle aziende del food, dalle multinazionali ai piccoli produttori.
Il mondo del cibo raccontato con un approccio economico e il faro puntato sui personaggi più rilevanti del settore (Chef, ristorazione alta gamma, piccoli produttori di eccellenza).
 
Inoltre, ogni due settimane, Foodcommunity.it pubblica contenuti su MAG, il primo quindicinale digitale interattivo dedicato alla business community italiana. In ogni numero: interviste a avvocati, general counsel, amministratori delegati, avvocati, banker, advisor, fiscalisti; studi di settore; interviste; report post awards etc. Fra i grandi appuntamenti annuali di Foodcommunity.it per MAG, i fatturati degli studi e la classifica dei 50 Best Lawyers.

MAG è digitale, gratuito e disponibile su App Store, Google Play (MAG LC) e sui portali del Gruppo LC Publishing Group.

Per maggiori informazioni, visita il sito del Gruppo www.lcpublishinggroup.com

LC srl – Via Tolstoi 10 – 20146 Milano – Tel. 0236727659 – C.F./P.IVA 07619210961
REA 1971432 Registro delle Imprese di Milano – Cap. Soc. Euro 10.000,00 i.v.

Copyright 2022 © All rights Reserved. Design by Origami Creative Studio

SHARE