a
domenica 17 nov 2019
HomeLe tavole della leggeArmani Ristorante, l’eleganza del gusto

Armani Ristorante, l’eleganza del gusto

Armani Ristorante, l’eleganza del gusto

di francesca corradi

Armani Ristorante è un’oasi gourmet nel cuore del quadrilatero della moda milanese. La realtà di via Manzoni, 31, all’interno dell’Armani Hotel, che ha da poco riaperto le sue porte anche a pranzo, si distingue per la sua posizione, al settimo piano dell’omonimo hotel da cui si gode di un’affascinante vista sullo skyline milanese. L’ambiente, al suo interno, ricrea un’atmosfera newyorkese: il ristorante panoramico è preceduto dall’Armani Bamboo Bar, con una grande vetrata ed elementi in onice retro illuminati, dove intrattenersi per un aperitivo o per un dopo cena. Ai piani inferiori ci sono invece le camere mentre all’ottavo una spa di mille metri quadrati.

Lo stile come si sa è eleganza e non stravaganza. La sala è minimalista: i tavoli, privi di tovaglia, sono ben distanziati tra di loro e arricchiti da componenti d’arredo sobri ma rigorosamente griffati.

Mentre il servizio è affidato a un team molto giovane alla guida della cucina c’è Francesco Mascheroni (ex sous chef, nella foto) che ha preso le redini della brigata dopo la dipartita dello chef Filippo Gozzoli, con cui il ristorante si era conquistato anche una stella Michelin nel 2016. Al nuovo executive è affidato il compito di trasferire gli aspetti della filosofia e dello stile Armani dritto nel piatto e conquistare i palati di una clientela non solo italiana ma internazionale.

Il suo menù è un mix tra creatività e tradizione. La carta è molto chiara con l’ingrediente principale in maiuscolo, in maniera da identificare a colpo d’occhio ciò che si vuole mangiare. Il welcome è composto da amouse bouche dedicate a Dubai, Tokyo e Milano, sedi dei ristoranti della maison di moda. Il pane, accompagnato da olio siciliano, è squisito.

Il mio pasto da Armani Ristorante è iniziato con dei gamberi rossi a base di frutto della passione e burro tiepido, abbinamento inedito ma piacevole, a cui è seguito uno spaghettone con ricci di mare e un ottimo merluzzo carbonaro dell’Alaska con tofu, miso e verdure croccanti. Il dolce si è rivelato goloso ma al tempo stesso fresco, perfetto per la stagione calda. Consiglio allo chef di fare attenzione ai piatti che si completano al tavolo il cui equilibrio di sapori può essere modificato da un dosaggio dell’ingrediente aggiunto.

Prezzi: a partire da 60 euro (bevande escluse); business lunch a partire da 45 euro (due portate)

Indirizzo: via Manzoni, 31 Milano

https://www.armanihotelmilano.com/it-it/dine/ristorante

Vota questo articolo
Nessun commento

Aggiungi un commento

Accesso

Hai dimenticato la Password?

Registrati

Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.