a
mercoledì 21 ott 2020
HomeFoodL’export dell’agroalimentare rallenta e chiude a 41,8 miliardi

L’export dell’agroalimentare rallenta e chiude a 41,8 miliardi

L’export dell’agroalimentare rallenta e chiude a 41,8 miliardi

Per l’export l’anno si è chiuso con un +1%. Si allontana l’obiettivo di 50 miliardi nel 2020.

Il 2018 mette un freno alla corsa dell’export agroalimentare made in Italy. A sottolinearlo è Cia-Agricoltori Italiani, che evidenza quanto il rallentamento dell’economia mondiale ed europea abbia influenzato le performance delle esportazioni tricolori di cibo e bevande.

Secondo le elaborazioni dell’Ufficio Studi Cia-Agricoltori Italiani su dati Istat – nel 2018 le vendite estere di prodotti agricoli hanno ceduto il 5% del loro valore mentre hanno tenuto i prodotti alimentari trasformati. Sono calate invece le importazioni, con un -1.1% ovvero 44,6 miliardi di euro in valore assoluto.

Riguardo ai principali mercati di sbocco, il 65% delle vendite estere, per un valore di 27,3 miliardi di euro, sono state realizzate all’interno dell’area Ue.  La Germania (7 miliardi) è in testa con una flessione del 6,2% per i prodotti agricoli e un+ 1,5% per i prodotti alimentari. Secondo posto per la Francia, con 4,7 miliardi. La Spagna ha importato made in Ialy per un valore pari a 4,9 miliardi anche se, nell’ultimo anno, quelli alimentari hanno ceduto circa il 9.5%.

Anche il Regno Unito è un buon approdo per gli alimentari italiani, aumentati del2,2%, mentre quelli agricoli hanno subito una battuta di arresto (-3,8%).

Fuori dall’Europa, il mercato americano è il destinatario del 10% delle spedizioni italiane, con un valore complessivo di 4,2 miliardi di euro e un incremento del 4,1% per l’export alimentare.

Il restante 25% delle esportazioni è destinato a Paesi quali la Svizzera, con il 4% del totale, e il Giappone (1,1 miliardi di euro). Gli acquisti provenienti dai territori del Sud est asiatico, dai Paesi europei non Ue e da quelli dell’America latina (Mercosur), con un valore assoluto cumulato pari a 5,8 miliardi di euro, hanno pesato complessivamente il 13% sulla distribuzione degli arrivi.

“L’export agroalimentare italiano continua a crescere ma a un ritmo molto più lento degli ultimi anni – commenta il presidente nazionale Cia-Agricoltori Italiani Dino Scanavino -. É chiaro, in questa fase delicata e incerta, non alimentare tensioni protezioniste. Non bisogna chiudersi al mondo ma esplorare nuovi mercati nel rispetto della reciprocità delle regole, chiudendo accordi come il Ceta o il Jefta, oltre a costruire strategie innovative per promuovere e valorizzare i nostri prodotti di qualità all’estero”.

 

 

Vota questo articolo
Nessun commento

Aggiungi un commento

Accesso

Hai dimenticato la Password?

Registrati

Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.