InGalera, da Bollate alla top ten dei migliori ristoranti di Milano

Bollate vanta un ristorante che è al decimo posto nella lista dei seimila ristornati milanesi, e che ha un nome che è tutto un programma: InGalera. Tutto un programma, e non per modo di dire, ma letteralmente: nasce infatti dall’idea degli spinoff del carcere di Bollate, il carcere alla periferia nord di Milano dove sono nati numerosi laboratori per il recupero sociale dei detenuti. Tra i tanti laboratori, quello della cucina, nato per preparare i pasti ai detenuti. Si tratta del primo spinoff del carcere, in realtà: su sollecitudine dei dirigenti del carcere, si costituisce la cooperativa Abc, formata da carcerati che cucinano il cibo necessario a sfamare oltre mille detenuti al giorno. Da semplice spinoff a ristorante vero e proprio il passo è stato breve. Tutto merito di una donna, Silvia Polleri, imprenditrice e presidente della cooperativa Abc, che di tasca sua ha investito un’ingente somma di denaro, ben 130 milioni di euro. La stessa cifra investita anche dalla Fondazione Cariplo e che, insieme ad alcune donazioni della PricewaterhouseCoopers e della Alessi, ha reso reale il progetto della donna manager coraggiosa (e intuitiva). I cinquanta posti a sedere sono sempre prenotati, si fa letteralmente la fila per poter mangiare in questo ristorante dove ogni cosa è curata nei minimi dettagli e la scelta delle materie prime punta solo all’ottima qualità. Chef del ristorante è Ivan Manzo, aiutato da dodici collaboratori detenuti nei ruoli di cuochi e camerieri detenuti. Una realtà che ha dato lustro e onore al nostro Stato, soprattutto in un periodo come questo, dominato dallo scandalo di Mafia Capitale. Questo perchè la percentuale di recidiva dei detenuti di Bollate è notevolmente inferiore persino di quella dei detenuti di Belgio e Olanda. Non è dunque un caso se del nostro carcere InGalera si parla molto, soprattutto all’Estero, dove è visto come modello da replicare.

InGalera, da Bollate alla top ten dei migliori ristoranti di Milano

Leave a Reply

Foodcommunity.it
 
è il sito del Gruppo dedicato al business del settore food & beverage nato nel 2016. Il portale ha l’obiettivo di raccontare, attraverso notizie e approfondimenti, lo scenario economico e i protagonisti del mondo enogastronomico in Italia e all’estero.
Grande attenzione è rivolta agli chef stellati e alle aperture di nuovi ristoranti, così come alle mosse delle aziende del food, dalle multinazionali ai piccoli produttori.
Il mondo del cibo raccontato con un approccio economico e il faro puntato sui personaggi più rilevanti del settore (Chef, ristorazione alta gamma, piccoli produttori di eccellenza).
 
Inoltre, ogni due settimane, Foodcommunity.it pubblica contenuti su MAG, il primo quindicinale digitale interattivo dedicato alla business community italiana. In ogni numero: interviste a avvocati, general counsel, amministratori delegati, avvocati, banker, advisor, fiscalisti; studi di settore; interviste; report post awards etc. Fra i grandi appuntamenti annuali di Foodcommunity.it per MAG, i fatturati degli studi e la classifica dei 50 Best Lawyers.

MAG è digitale, gratuito e disponibile su App Store, Google Play (MAG LC) e sui portali del Gruppo LC Publishing Group S.p.A.

Per maggiori informazioni, visita il sito del Gruppo www.lcpublishinggroup.com

LC Publishing Group S.p.A. – Via Tolstoi 10 – 20146 Milano – Tel. 0236727659 – C.F./P.IVA 07619210961
REA 1971432 Registro delle Imprese di Milano – Cap. Soc. Euro 50.000,00 i.v.

Copyright 2022 © All rights Reserved. Design by Origami Creative Studio

SHARE